Tutti gli articoli di fionnbharr

Giornalista

Mondialismo, malattia del bergoglismo

Scrive Jung che nessun “albero nobile, di alto fusto, ha mai rinunciato alle sue oscure radici. Esso cresce non soltanto verso l’alto, ma anche verso il basso”. (C.G.J-Psicologia e alchimia, Bollati Boringhieri).

Il grande e nobile albero d’Europa non può esistere se non è alimentata, al contempo, la crescita verso l’alto e verso il basso.

L’ideologia mondialista, sorosian-davosiana, è l’esatto contrario di quanto afferma Jung, uno dei massimi intellettuali europei del ‘900.

L’ideologia mondialista sorosian-davosiana è eradicante e conduce al disordine e alla catastrofe dell’umanità, riducendola ad un’informe insieme gelatinoso di consumatori e di schiavi del Kombinat buro finanziario, nuovo Leviatano. Non a caso all’ideologia sorosia-davosiana piace il kombinat totalitario cinese.

L’Europa dei popoli e delle nazioni è tale se sono riconosciute e alimentate le radici, affinché il fusto, i rami e le foglie crescano rigogliose.

Una delle radici d’Europa è sicuramente il cristianesimo. Non è la sola e nemmeno la più antica, ma è una radice poderosa. Una radice che il “bergoglismo” sta mettendo in serio pericolo.

Gli “ismi” vanno sempre distinti dalle idee originarie dalle quali derivano e dalle persone che le hanno pensate, essendo gli “ismi” cascami ideologici.

E’ quanto accade oggi con il “bergoglismo”, che sta trasformando la Chiesa cattolica apostolica romana in una Ong mondialista più vicina alle ideologie sorosian-davosiane che alla tradizione che ha fatto del cristianesimo una delle radici d’Europa.

“In effetti – scrive non a caso Benedetto XVI – la Chiesa viene in gran parte vista solo utilizzando categorie politiche e questo persino per dei vescovi che formulano le loro idee sulla Chiesa di domani in larga misura quasi esclusivamente in termini politici”. (Benedetto XVI, articolo pubblicato su Klesublatt).

Benedetto XVI, nell’Aula Magna dell’Università di Regensburg (Martedì, 12 settembre 2006) tenne un discorso, noto come il discorso di Ratisbona dove, tra le altre cose, disse. “L’incontro tra il messaggio biblico e il pensiero greco non era un semplice caso. La visione di san Paolo, davanti al quale si erano chiuse le vie dell’Asia e che, in sogno, vide un Macedone e sentì la sua supplica: “Passa in Macedonia e aiutaci!” (cfr At 16,6-10) – questa visione può essere interpretata come una “condensazione” della necessità intrinseca di un avvicinamento tra la fede biblica e l’interrogarsi greco. […] Oggi noi sappiamo che la traduzione greca dell’Antico Testamento, realizzata in Alessandria – la “Settanta” –, è più di una semplice (da valutare forse in modo addirittura poco positivo) traduzione del testo ebraico: è infatti una testimonianza testuale a se stante e uno specifico importante passo della storia della Rivelazione, nel quale si è realizzato questo incontro in un modo che per la nascita del cristianesimo e la sua divulgazione ha avuto un significato decisivo. Nel profondo, vi si tratta dell’incontro tra fede e ragione, tra autentico illuminismo e religione. Partendo veramente dall’intima natura della fede cristiana e, al contempo, dalla natura del pensiero greco fuso ormai con la fede, Manuele II poteva dire: Non agire “con il logos” è contrario alla natura di Dio”.

La grande cultura greca, altra radice poderosa, qui si coniuga con il cristianesimo.

Tra Papa Benedetto XVI e Papa Francesco la distanza è tendente all’infinito. Il Papa gesuita è, del resto, perfettamente in linea con l’azione della Compagnia di Gesù sin dalle sue origini: interventismo politico.

La Compagnia di Gesù è nata con il mondo moderno, quando il pensiero filosofico e scientifico ha fondato la sua autonomia. In questo si è subito differenziata dai grandi ordini medievali: Francescani, Carmelitani, Domenicani.

La Compagnia di Gesù è intervenuta sin dai suoi primi passi nella politica e nella realtà sociale, con alterne vicende e alterne alleanze: dall’assolutismo monarchico e reazionario austriaco, all’assolutismo dispotico dei monarchi illuministi.

Non è un caso che i Gesuiti siano stati cacciati da Venezia nel 1606, dalla Boemia nel 1618, da Napoli e dai Paesi Bassi nel 1676, dalla Francia nel 1764, dalla Spagna nel 1767, dal Portogallo nel 1769, da Roma e da tutta la cristianità nel 1773 (lo scioglimento dell’ordine è dovuto alla Lettera apostolica Dominus ac Redemptor del 21 luglio 1773 di Clemente XIV).

I Gesuiti sopravvissero protetti da re illuministi come Federico II di Prussia, che si giovò della loro collaborazione nelle regioni da lui dipendenti e abitate da popolazioni cattoliche e Caterina II di Russia, ossia da un re protestante e da una regina ortodossa.

Autori di esperimenti di comunismo paternalistico, attuati con le Riduzioni in Paraguay, Argentina, Brasile e Bolivia, i Gesuiti ebbero il plauso degli illuministi.

Dei Gesuiti è provebiale la sibillinità. Nel Compendium, ad esempio, alla domanda: “Si domanda a che cosa è obbligato un uomo che ha giurato in modo fittizio e per ingannare?”. La risposta è quantomeno inquietante: “Egli non è obbligato a nulla in virtù di religione, poichè egli non ha prestato un vero giuramento. Nullameno è obbligato dalla giustizia a mantenere ciò che ha giurato in un modo fittizio e per ingannare”. In aggiunta potremmo citare la seguente affermazione: “In ogni promessa fatta con giuramento, anche in via assoluta, vi sono certe condizioni tacite, come per esempio: se lo potrò; salvo il diritto e l’autorità superiore; purché le cose restino moralmente nel medesimo stato”.

Insomma, fidarsi di un giuramento, stando alla logica gesuitica, è perfettamente inutile.

Ed è con questi Gesuiti che nel ‘700 si sono alleati despoti illuminati come Federico II di Prussia e Caterina di Russia.

Federico II fu un despota illuminato. Despota, dispotico e dispotismo fanno, non a caso, la loro prima apparizione nel dizionario francese nel 1720. Formatosi, a quanto pare, alla fine del XVII secolo, il concetto di dispotismo finisce ben presto per indicare un regime politico in cui l’oppressione sociale va di pari passo con l’autorità assoluta del sovrano. Federico II di Prussia, despota illuminato, che si avvale dei Gesuiti è l’evidente attestazione della capacità della Compagnia di Gesù di intessere rapporti con gli ambienti più vari e di essere instrumentum regni. Con i resti sparsi della diaspora padre Pigantelli ricostruì la Compagnia dopo le guerre napoleoniche.

Un altro esempio riguarda l’Inghilterra dove Giacomo I (cattolico) tentò un difficile equilibrio tra le varie fazioni, represse con durezza vari attacchi della nobiltà, sia cattolica, sia protestante e asserì il diritto divino della monarchia (Deus meumque ius). Privo dell’abilità di governo della cugina Elisabetta, alla quale era succeduto con un passaggio dinastico dai Tudor agli Stuart, Giacomo cercò invano di mediare tra le richieste del partito cattolico e di quello protestante, ma di fatto la tensione interna si accrebbe. Per rispondere alle richieste di riforma religiosa dei puritani, autorizzò una nuova traduzione inglese della Bibbia, nota come versione di re Giacomo; appoggiò inoltre i vescovi della Chiesa anglicana contro i riformatori radicali protestanti, ma la sua difesa del diritto divino della monarchia gli attirò l’ostilità dei cattolici, che organizzarono contro di lui la Congiura delle polveri o Congiura dei Gesuiti, nel 1605.

Dire, come fa Benedetto XVI che la Chiesa “viene in gran parte vista solo utilizzando categorie politiche e questo persino per dei vescovi che formulano le loro idee sulla Chiesa di domani in larga misura quasi esclusivamente in termini politici” è non solo una constatazione dell’odierna realtà, ma un richiamo alla storia.

Non è fuori dalla storia dei Gesuiti, pertanto, l’alleanza attuale con il dispostismo illuminista buro finanziario e la ricerca di un’intesa con il Kombinat cinese.

 

Silvano Danesi

 

 

 

 

Annunci

Il mito della razza mascherato da libertà

L’ondata razzista montante non è quella che i media del pensiero unico ci descrivono ogni giorno, associandola al sovranismo e al populismo.

L’ondata razzista montante, ben mascherata da rivoluzione sessuale libertaria, ripropone di fatto il mito della razza superiore di ispirazione nazista. Il “Progetto Lebensborn” (sorgente di vita) non è mai stato abbandonato e si fa largo nell’opinione pubblica nascondendosi, come la gramigna, tra il grano.

Fuor di metafora, l’idea eugenetica per creare una razza super intelligente, si mimetizza confondendosi tra le ricerche e le pratiche scientifiche volte a combattere le malattie o a favorire la fertilità. L’intento è ben evidente, se si osserva la storia dell’esperimento nazista e se si analizzano alcune tendenze del pensiero unico imposto dalle élite con occhi disincantati, ossia non presi da incantamento: stato di assenza mentale provocato da una persistente distrazione.

In un contesto dove la verticalizzazione del potere della finanza internazionale e delle multinazionali si avvale della tecnologia basata sugli algoritmi, concentrata in poche mani e capace di profilare e orientare le masse, il pensiero unico veicola idee tendenti a far accettare, come illuminate e libertarie, pratiche eugenetiche che hanno come fine la creazione di una razza di super intelligenti dominanti un’umanità di schiavi (Untermenschen).

Una via “per arrivare ad un’intelligenza superiore all’intelligenza umana attuale – scrive in proposito Nick Bostrom – consiste nel potenziare il funzionamento di cervelli biologici. In linea di principi, è un obiettivo realizzabile senza tecnologia, attraverso la riproduzione selettiva”.[1] In altri termini, un programma eugenetico.

Con le tecnologie di concepimento assistito, tuttavia, spiega Bostrom, si possono abbreviare gli anni relativi all’evoluzione.

Bostrom elenca alcuni metodi volti a favorire il progetto energetico.

  • Genotipizzazione e selezione di un numero di embrioni che hanno caratteristiche genetiche altamente desiderate.
  • Estrazione di cellule staminali da questi embrioni e loro trasformazione in spermatozoi e ovuli, che maturano nell’arco di sei mesi o meno.
  • Incrocio dei nuovi spermatozoi e ovuli per produrre embrioni.
  • Ripetizione dei passi precedenti fino all’accumulazione di grandi cambiamenti.

La procedura della fecondazione in vitro, che può essere anche una modalità per aiutare coppie in difficoltà a procreare, può diventare uno strumento di eugenetica diffusa.

“Con il diffondersi dell’uso della procedura, in particolare tra le élite sociali – afferma Bostrom – potrebbe avvenire uno spostamento culturale verso modelli di genitorialità che presentano la selezione come una procedura adatta alle coppie responsabili e illuminate”.[2]

L’insieme delle tecnologie e delle procedure elencate da Bostrom, aggiunte alla pratica dell’utero in affitto, non è certamente riservato ai poveri. Il costo medio per avere la disponibilità di un utero (che sia di un essere umano poco importa agli illuminati) è di cinquanta mila euro. Cifra impensabile per i tre quarti dell’umanità e comunque lontanissima anche dalle tasche di chi vive nei cosiddetti paesi avanzati. Se poi pensiamo alle pratiche selettive il costo sale. Roba da ricchi, insomma.

Nessuno degli illuminati si preoccupa della pesante eredità psicologica del nascituro. L’importante è che sia fatto su misura per entrare a far parte della razza eletta.

Dei disastri relativi alle pratiche eugenetiche è testimonianza significativa il saggio:”I figli segreti di Hitler” di Ingrid von Oelhafen e Tim Tate.[3]

Il nazismo è stato sconfitto militarmente, ma non è stato estirpato e come un virus mutante si ripresenta in forme mascherate per essere accettate.

L’antivirus è uno solo: aprire gli occhi e uscire dall’incantamento.

© Silvano Danesi

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Nick Bostrom, Superintelligenza, Bollati Boringhieri

[2] Nick Bostrom, Superintelligenza, Bollati Boringhieri

[3]”I figli segreti di Hitler” di Ingrid von Oelhafen e Tim Tate, Newton Compton.

La pedofilia e l’internazionale del Male

“Di fronte a loro, un mondo altrettanto malato, corrotto nell’anima e nella psiche, per il quale sembra non possa esistere possibilità di redenzione o di consapevolezza”.

La frase è contenuta nel risvolto di copertina del romanzo di Marino Fracchioni: “Il vincitore è sempre solo” (ed. Etica – Torino).

Chi sono loro? I pedofili, una delle più ignobili, schifose, inumane incarnazioni del Male. Si, il Male, perché il Male non è una categoria astratta, ma una realtà concreta di comportamenti di non umani dalle sembianze umane; è un’eggregora mefitica costruita da non umani dalle sembianza umane.

Giordano Bruno, nel suo: “Il canto di Circe” (Bur), scrive che Circe invoca gli dei affinché le sia «possibile stringere in un vincolo gli spiriti che amministrano e dispensano le figure, perché questi, sia pure contro la loro volontà, facciano emergere nella piena luce e (via via che si ritrae la mentita sembianza di un uomo) da occulti che erano rendano finalmente visibili i lineamenti nascosti di un altro genere di esseri viventi». Circe: «Si allontanino, si allontanino – giacché anche noi lo abbiamo proibito – i volti umani dalle bestie».

Meri: «Mirabile a vedersi, Circe, mirabile a vedersi: di tanti uomini che prima potevamo vedere, solo tre o quattro sono rimasti tali, e questi corrono tremanti a mettersi al sicuro. Tutti gli altri, alcuni dei quali si rifugiano nelle caverne più vicine o volano verso i rami degli alberi o si gettano a precipizio nel mare vicino mentre altri di indole più domestica si avvicinano in fretta alla nostra dimora, vedo che sono stati trasformati in animali di diverso genere».

Circe: «Dì piuttosto che solo adesso hanno esplicato e reso visibili le forme che erano loro proprie».

Accanto ai pedofili agiscono i trafficanti di esseri umani, che procacciano bambine e bambini per la loro lussuria immonda di incarnazioni del Male.

Il Male si insinua nel mondo grazie all’indifferenza e ai colpevoli silenzi di una società malata, drogata e indotta all’acriticità da un pensiero unico massificante.

La storia della quale sono protagonisti Victor e Emi è, detta in estrema sintesi, quella di un “servo del silenzio”, un investigatore giustiziere e di una giornalista d’inchiesta, i quali svelano un traffico di bambine tra Torino e Ginevra, gestito da un’organizzazione che le induce alla prostituzione per soddisfare le voglie immonde di non umani, facoltosi ma zombie psicologici.

Il romanzo, una spy story in piena regola, con quel tanto di sano erotismo che contrasta con l’immonda lussuria degli zombie psicologici e con un’affascinante descrizione dei metodi e degli strumenti di indagine, è, in realtà, il resoconto romanzato di un’indagine vera. Veri sono anche i personaggi, come Alberto o come Pilon.

Victor e Ramon, anch’essi veri, sono il capo e il vicecapo della “squadra fantasma” dei romanzi: “I servi del silenzio” e “I servi del silenzio – Parsifal”, che raccontano le imprese, anche in questo caso a sfondo reale, di agenti dell’intelligence spagnola che agiscono, con competenza, determinazione e rapidità, per poi sparire nel nulla.

Personaggio nuovo e interessante è la giornalista Emi, che dalla cronaca noiosa di Torino, per quanto vissuta con passione e professionalità, passa in pochi giorni al giornalismo d’inchiesta, travolta da Victor e dalla sua squadra, che la coinvolgono in una caccia ai pedofili che si svolge tra la triste Torino di una borghesia debosciata e l’ovattata Ginevra dai mille volti, molti dei quali oscuri.

La storia del romanzo, alla cui base sta una realtà datata, rimbalza nell’attualità non solo per i numerosi scandali relativi alla pedofilia che occupano le cronache di ogni giorno, ma anche per un libro denuncia di Emidio Novi: “La riscossa populista”, che pone l’attenzione del lettore su scenari inquietanti, nei quali è ipotizzata la presenza di un’internazionale della pedofilia, ossia un’internazionale del Male, che organizza party pizza e party hot dog esclusivi, dove per pizza si intende una bambina e per hot dog un bambino.

Enrico Novi, senatore e un giornalista, recentemente scomparso, travolto, sorprendentemente, nel suo paese natale, in Puglia, da un camion dello sporco in retromarcia, presenta panorami inquietanti e ben documentati, dove il Male è all’opera e, tuttavia, non giunge a conclusioni pessimistiche.

Redimere gli zombie psicologici incarnazione del male è impresa impossibile, ma combattere una battaglia per ridefinire valori e confini è un dovere che può indurre un radicale cambiamento.

Del resto, anche Enrica Maria Immacolata, in acronimo Emi, per quanto censurata da un direttore servo di un mondo malato e prono ai dettami degli zombie psicologici, ha in serbo una sorpresa: un asso nella manica regalatogli da Victor.

Forse, chi lo sa, Marino Fracchioni, in un prossimo romanzo-testimonianza, rimetterà Emi all’opera, per combattere gli zombie psicologici, incarnazioni del Male.

Il vincitore è davvero solo? Forse no. Il risveglio delle coscienze è in atto.

Silvano Danesi

 

La sinistra oltre la luce del lampione

La sinistra italiana, come quella europea, è entrata in una fase involutiva esiziale, dovuta a due fattori principali: l’invasione infestante nei partiti storici da parte di gruppettari sessantottini e la ricerca di legittimazione della finanza internazionale.
I gruppettari sessantottini, spesso usciti dagli oratori, hanno trovato altre religioni, alternative o complementari, nel marxismo-leninismo, nel maoismo, nel castrismo, nel chavismo, nel comunismo gesuitico, nella teologia della liberazione.
Dopo un periodo di contestazione “extraparlamentare”, l’erba infestante dei gruppettari ha scelto due vie: l’entrismo nei partiti storici della sinistra e la lotta armata.
Se analizziamo il curriculum vitae dei brigatisti di varia specie e origine, ritroviamo spesso esperienza cattoliche coniugate con ideologie marxiste-leniniste o maoiste.
Non v’è dubbio che molti di questi soggetti sono colti e intelligenti, così da essere capaci di proporsi come “intellettuali organici” di una sinistra che hanno trascinato su un terreno giustizialista e antagonista. Molti di loro sono entrati a pieno titolo nei gangli strategici dello Stato, mantenendo tuttavia un imprinting antagonista e ribellista.
L’entrismo ha riguardato anche il sindacato, il quale, dopo un percorso accidentato, è giunto alle soglie della sua trasformazione da agente contrattuale a soggetto politico, secondo la linea che fu di Claudio Sabattini, leader della Fiom.
E’ questa sinistra, infarcita di intellò dell’antagonismo, che è ormai sull’orlo del disfacimento irreversibile e che ha trascinato con sé i partiti storici della sinistra italiana ed europea.
A contribuire al declino storico è poi stata la scelta scellerata degli esponenti del Partito comunista di abbandonare e criminalizzare il Partito socialista per inseguire l’abbraccio mortale con quello che rimaneva della Democrazia cristiana, consegnata alla morte da Mino Martinazzoli e resuscitata con i vari ulivi, asinelli, margherite e fiori vari. La supponenza dei quadri comunisti fu quella di pensare di essere loro a dirigere l’orchestra, mentre erano, nel disegno, solo dei tromboni di quarta fila. E’ poi arrivata la rincorsa alla legittimazione americana, non con gli Usa, ma con il legame a doppio filo con il Partito democratico, nel frattempo divenuto dominio del clan Clinton e di quel kombinat finanziario che ha trascinato il mondo in una crisi di colossali proporzioni, ha disastrato il Nord Africa e il Medio Oriente ed aveva come obbiettivo, per fortuna quasi fallito, di islamizzare l’Europa sotto il falso scopo buonista dell’accoglienza.
Ora le schegge di questo mondo sono attaccate alle vesti del papa gesuita e al tragico teatro dei migranti, come unico progetto, non avendone altri, di favorire l’ideologia mondialista dei ricchi di Davos e della finanza internazionale, alla quale hanno venduto l’anima. Se da un lato agitano le bandiere dell’accoglienza (che ovviamente è strettamente legata ad un business che ormai ha nome e cognome), dall’altro danno del fascista a tutti quelli che non la pensano come loro. In fondo c’è del continuismo coerente. Una volta a quelli che non erano sufficientemente antagonisti e che volevano garantire il rispetto delle regole dello Stato erano riservate le pallottole; oggi il fiele delle parole.
L’Italia e l’Europa hanno bisogno di una sinistra democratica, pragmatica, popperiana, non ideologica, che interpreti i bisogni reali dei popoli. Una sinistra che difenda la Civiltà occidentale, che è fatta di principi e di valori generali conquistati nei secoli e non negoziabili.
Per costruire una nuova sinistra che guardi alla realtà e si sottoponga costantemente alla verifica, che sappia progettare un futuro concreto, facendo i conti con la realtà e non con i sogni, è necessario che chi si metterà all’opera si sbarazzi di ogni residuo collegamento con questa eredità sessantottarda e gruppettara. Oggi non si intravedono a sinistra soggetti capaci di mettersi all’opera per una nuova stagione di civiltà, di rispetto delle regole, delle radici, delle tradizioni, delle identità, dei valori della Civiltà occidentale, di progettualità, di welfare equo e solidale, di riconoscimento dei valori individuali e del merito. Una sinistra che rifugga dai canti delle sirene sorosiane, mondialiste, buoniste, che stia lontana dalla montagna incantata e sappia stare di nuovo a contatto stretto con il popolo.
Inutile lamentarsi se altri occupano lo spazio se si continua a suonare il piffero dei migranti e dell’antifascismo (vedendo fascisti dappertutto, con un’ossessività maniacale) per nascondere il vuoto totale di idee e di progetti.
Arriveranno nuovi soggetti capaci di rifondare la sinistra italiana ed europea?
Concludo riportando una storiella che Vittorino Andreoli, nel suo: “I segreti della mente”, riporta a sua volta da: “Istruzioni per rendersi infelici” di Paul Watzlawick.
“In una notte buia, su una strada deserta, un lampione disegna un cono di luce sull’asfalto nero. C’è un uomo che si muove all’interno della corolla luminosa, intento a cercare qualcosa. Di lì a poco passa un altro signore, che, preso dalla curiosità, gli domanda che cosa stia facendo.
«Ho perduto il portafogli», gli risponde l’uomo «devo trovarlo. Sa, ho dentro anche i documenti».
L’altro si offre di aiutarlo. Entra a sua volta in quel cerchio di luce, ma si avvede subito che non c’è nulla.
«Ma dove l’avete perduto?»
«Là in fondo», indica l’uomo, puntando il dito verso una coltre buia.
«E perché lo cercate qui allora?» s’inquieta l’altro, spazientito.
«Là è troppo buio» risponde l’uomo, e si rimette, pensieroso, a cercare nel suo cerchio di luce”.
Vittorino Andreoli commenta in relazione alla scienza, dicendo che non può cercare dove già sa. La storiella ben si adatta a chi volesse intraprendere la strada della ricostruzione della sinistra. Nel cono di luce del lampione dell’attuale sinistra non c’è nulla. Per recuperare ciò che è stato perduto (il portafogli contenente i documenti, ossia l’identità) bisogna tornare nel luogo dove è stato perduto: il contatto con la realtà del popolo e con le dinamiche reali delle società, popperianamente, avendo come guida i valori della Civiltà occidentale.

Silvano Danesi

 

Per un nuovo rapporto strategico tra Europa e Africa

Il tema generale di un’alleanza tra Europa e Africa ha un’indubbia valenza strategica, ma necessita di essere calato nella realtà odierna, al fine di mantenere valida l’istanza di fondo nel mentre si attuano i passi possibili di un cammino non facile.

La prima essenziale difficoltà risiede nel principio identitario dei due soggetti: un’Europa in crisi di valori e di prospettive e un’Africa violentata nei secoli a più riprese e da vari attori e non riconosciuta nei suoi valori.

Europa e Africa oggi condividono una nuova violenza: quella di una presenza islamica che non accetta i principi della laicità dello stato, della democrazia, del libero pensiero, della pari dignità degli esseri umani, siano essi uomini o donne, al di là dei convincimenti religiosi, dei gusti sessuali, delle opzioni politiche.

L’Europa ha conquistato quei principi nel corso di un percorso lungo e faticoso e grazie ai quei principi è oggi nel mondo un’oasi di pace, di democrazia e di tolleranza, dopo essere stata per secoli luogo di guerre intestine e di genocidi.

Questi principi vanno difesi e la tolleranza va coltivata, ma non oltre il limite nel quale si trasforma in complicità.

La debolezza dell’Europa odierna è dovuta ad una crisi di democrazia e di valori.

Tale debolezza non è frutto del caso, ma di una ben precisa strategia politica delle multinazionali e della finanza internazionale, che hanno voluto l’Europa delle banche e della burocrazia e non quella dei popoli, espropriando progressivamente governi e parlamenti e spostando la fonte della legittimazione democratica dalla cittadinanza al moloch buro-finanziario autoreferenziale.

Tale spostamento della fonte della legittimazione democratica è anche all’origine della fragilità economica e dei valori. Riguardo a questi si è innestato un falso confronto tra cristianesimo e relativismo, quando la vera questione è la ricomposizione delle varie radici laterali che alimentano la radice cristiana e il riconoscimento delle radici d’Europa, anche di quella preesistenti al cristianesimo, perché l’inconscio collettivo dei popoli europei sia riconosciuto dando luogo a un processo di reintegrazione dell’identità.

La civiltà europea, in tempi difficili quali sono quelli che viviamo, necessita del riconoscimento di tutte le sue radici, per recuperare un’identità che tendenze oicofobiche rischiano di farci perdere.

L’oicofobia, nell’accezione offertaci dal filosofo inglese Roger Scruton, è l’esatto opposto della xenofobia e possiamo descrivere questo atteggiamento mentale, ampliando un poco l’accezione greca, come avversione per la propria casa e per il proprio retaggio. I suoi sintomi appaiono evidenti e precisamente: la tendenza, in qualunque situazione conflittuale, a schierarsi con “loro” contro di “noi” e il bisogno irrefrenabile di denigrare usi e costumi, cultura e istituzioni che siano tipicamente “nostri”.

Il recupero di una dimensione valoriale europea è, pertanto, più che mai essenziale.

L’Europa ha radici di immenso valore per l’intera umanità e le conquiste ideali, politiche e sociali dei popoli d’Europa sono tali da costituire dei beni irrinunciabili.

L’illusione di un’integrazione dell’Islam rischia di dare vita a nuovi mostri.

Mentre cresce l’acquiescenza nei confronti dell’Islam, riprende forza il mai sopito antisemitismo, alimentato da una rinnovata alleanza tra i nazisti (mai scomparsi) e i Fratelli Musulmani, nati e cresciuti con il Mein kampf fra le mani.

Un’Europa debole e che ha perso le coordinate fondamentali che accordo può fare con l’Africa?

L’Africa, i cui popoli sono considerati “carne senz’anima” nella percezione delle multinazionali che si sono sostituite agli stati colonialisti, necessita di un riscatto democratico.

Un’alleanza tra Europa e Africa, dunque, presuppone una reidentificazione forte dell’Europa nei suoi valori, la trasformazione dell’Europa da moloch buro-finanziario in entità federale democratica e, per quanto riguarda l’Africa, necessita di un “piano Marshall” capace di creare economie locali sufficientemente autonome e una classe media imprenditoriale diffusa. Economie che non siano asservite alle multinazionali. Impresa davvero difficile, che può essere attuata da un’Europa dei popoli e delle nazioni, depurata dai residui del colonialismo.

In questo quadro si pone la questione del neocolonialismo francese nei confronti dei 14 paesi africani del Centro Africa.

Le risorse attuali a disposizione vanno pertanto concentrate in presidi sicuri, rafforzando in Africa la presenza di governi democratici e di economie capaci di rapportarsi con quelle europee sulla base della reciproca convenienza.

 

E’ necessario ripartire dai valori europei e dalle radici d’Europa attuando un nuovo rapporto con le nazioni africane. Un nuovo rapporto mondato da ogni residuo coloniale. Un rapporto di collaborazione e di reciprocità.

Il destino d’Europa è strettamente legato a quello dell’Africa e se l’Unione Europea non vuole perdere l’appuntamento con la storia deve profondamente rinnovarsi e chiedere a tutti gli stati membri una linea di condotta coerente.

In questo quadro appare sempre più improponibile la linea del Vaticano, che predica l’accoglienza e parla di poveri e di sfruttati, ma non è in grado di alzare la voce con la Francia per chiedere la fine del colonialismo brutale che impedisce ai paesi del Centro Africa di evolversi. La linea politica del Vaticano si colloca obiettivamente in quella del mondialismo finanziario clintoniano e sorosiano.

Silvano Danesi

ANTONIO GRAMSCI: CHI È CONTRO LA MASSONERIA È CONTRO IL LIBERALISMO

La totale ignoranza del fenomeno massonico, frutto di voluti pregiudizi, sta nuovamente producendo iniziative di legge e atti amministrativi tesi a discriminare chi frequenta l’istituzione massonica, in netto contrasto con la Costituzione repubblicana e innescanti una preoccupante deriva autoritaria.

La Massoneria, come credo di aver ampiamente dimostrato nei miei testi (Le radici scozzesi della Massoneria, La Massoneria del ‘700, nido invaso dai cuculi) è un’istituzione iniziatica antica, che ha coinvolto uomini di preclara virtù e intelligenza, i quali hanno donato all’umanità gioielli inestimabili. Inutile fare la quadreria di famiglia, ampiamente nota a chi volesse occuparsene.

Frutto di volontario pregiudizio è l’associare la deplorevole vicenda italiana della gelliana P2 alla Massoneria italiana, quando ne sono ampiamente noti, anche grazie ai numerosi volumi dell’inchiesta parlamentare (io li ho letti, perché non se li leggono anche i colleghi che scrivono sull’argomento?) e a una vasta letteratura in merito, tutti i particolari. In quella vicenda si intrecciano antichi collegamenti che evocano Odessa, il Vaticano della Loggia Ecclesia, la Cia di Frank Gigliotti e via elencando. Tutto scritto e tutto chiaramente dimostrato, compresa l’estraneità del Grande Oriente d’Italia e delle altre Obbedienze Massoniche italiane minori. Basta leggere e informarsi.

La caccia alle streghe, soprattutto quando arriva da certi ambienti, fa pena.

In una temperie politica, come quella italiana ed europea, che rivendica la sovranità popolare, qualcuno farebbe bene a rileggersi la dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti.

Nella dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d’America del 2 luglio 1776, in gran parte frutto di uomini affiliati alla Massoneria, ispirati dalla Scienza della legislazione del massone giurista partenopeo Gaetano Filangieri (ne è prova il carteggio con il massone Benjamin Franklin), è scritto: “Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità; che per garantire questi diritti sono istituiti tra gli uomini governi che derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tende a negare questi fini, il popolo ha diritto di mutarla o abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzarne i poteri nella forma che sembri al popolo meglio atta a procurare la sua Sicurezza e la sua Felicità”.

Non facile definire cosa sia la felicità, ma mi piacciono due definizioni.

“La felicità – afferma Lowen – è la consapevolezza della crescita”. [i]

Adam Smith, filosofo ed economista scozzese, nel suo saggio dal titolo: “La teoria dei sentimenti morali” scrive: “E’ più felice chi avanza gradualmente verso la saggezza”.

Il concetto ben si attaglia ai governi, che devono occuparsi del progresso dei loro governati, ma è ancora più consono al progredire della conoscenza e della consapevolezza di ogni singolo individuo.

In Italia i Massoni non sono stati artefici del Risorgimento, ma lo sono stati, in gran parte, della costruzione dell’Unità del Paese.

Massoni sono stati, per fare alcuni esempi, Agostino Depretis e Francesco Crispi, l’anarchico Bakunin, Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Zanardelli, il socialista Enrico Bignami, Andrea Costa, l’operaista Mauro Macchi, Leonida Bissolati, Osvaldo Gnocchi Viani, fondatore della prima Camera del lavoro a Milano. Massoni sono stati Giosuè Carducci e Giovanni Pascoli, dei quali si imparavano a memoria le poesie sin dalla più tenere infanzia.

Al massone Alceste De Ambris si deve la Costituzione del Carnaro, voluta dal Massone Gabriele D’Annunzio, che è servita da traccia fondamentale per la stesura della Costituzione italiana.

La Massoneria ha dato vita a innumerevoli Società di mutuo soccorso e alle compagnie di soccorso (Croci bianche, verdi, ecc.) volte alla salute pubblica. La Massoneria ha contribuito a promuovere banche come la Comit e il Credito Italiano, senza le quali l’economia industriale del Paese non sarebbe decollata.

La Massoneria non è una banda di delinquenti grassatori che tramano contro lo Stato, ma lo Stato di questo Paese ha contribuito a formarlo, attraverso persone di alto livello educate nella temperie iniziatica della Logge.

Ci sono stati e, probabilmente ci sono ancora, fenomeni cosiddetti deviati, che tuttavia non sono oggi di alcun pericolo reale per lo Stato, in quanto sono costituiti da personaggi da baraccone che puntano a farsi la pensione integrativa alle spalle di creduloni che pensano di scoprire chissà quale segreto. Fenomeni di basso profilo e di bassa lega.

La Massoneria, in Italia, è stata, come testimonia Antonio Gramsci, la spina dorsale del liberalismo e della borghesia post unitaria.

In Italia una delle più interessanti testimonianze relative alla Massoneria la diede, infatti, Antonio Gramsci, il cui discorso alla Camera del 16 maggio 1925 contro il disegno di legge Mussolini-Rocco riporto di seguito.

Il contraddittorio condotto da Gramsci in Parlamento, a nome del PCd’I, in merito alla promulgazione da parte del fascismo di leggi contro le associazioni segrete, aveva nella realtà avevano come obiettivo le organizzazioni antifasciste e di opposizione. Quando si comincia con il conculcare la libertà, si sa dove si finisce: nella dittatura.

Ecco la registrazione del discorso di Gramsci.

Presidente. Ha facoltà di parlare l’onorevole Gramsci.

Gramsci. Il disegno di legge contro le società segrete è stato presentato alla Camera come un disegno di legge contro la massoneria; esso è il primo atto reale del fascismo per affermare quella che il Partito fascista chiama la sua rivoluzione. Noi, come Partito comunista, vogliamo ricercare non solo il perché della presentazione del disegno di legge contro le organizzazioni in generale, ma anche il significato del perché il Partito fascista ha presentato questa legge rivolta prevalentemente contro la massoneria.

Noi siamo tra i pochi che abbiano preso sul serio il fascismo, anche quando il fascismo sembrava fosse solamente una farsa sanguinosa, quando intorno al fascismo si ripetevano solo i luoghi comuni sulla “psicosi di guerra”, quando tutti i partiti cercavano di addormentare la popolazione lavoratrice presentando il fascismo come un fenomeno superficiale, di brevissima durata.

Nel novembre 1920 abbiamo previsto che il fascismo sarebbe andato al potere – cosa allora inconcepibile per i fascisti stessi – se la classe operaia non avesse fatto a tempo a frenare, con le armi, la sua avanzata sanguinosa.

Il fascismo, dunque, afferma oggi praticamente di voler “conquistare lo Stato”. Cosa significa questa espressione ormai diventata luogo comune? E che significato ha, in questo senso, la lotta contro la massoneria ?

Poiché noi pensiamo che questa fase della “conquista fascista” sia una delle più importanti attraversate dallo Stato italiano, e per ciò che riguarda noi che sappiamo di rappresentare gli interessi della grande maggioranza del popolo italiano, gli operai e i contadini, così crediamo necessaria un’analisi, anche se affrettata, della questione.

Che cos’è la massoneria? Voi avete detto molte parole sul significato spirituale, sulle correnti ideologiche che essa rappresenta, ecc.; ma tutte queste sono forme di espressione di cui voi vi servite solo per ingannarvi reciprocamente, sapendo di farlo.

La massoneria, dato il modo con cui si è costituita l’Italia in unità, data la debolezza iniziale della borghesia capitalistica italiana, la massoneria è stata l’unico partito reale ed efficiente che la classe borghese ha avuto per lungo tempo. Non bisogna dimenticare che poco meno che venti anni dopo l’entrata a Roma dei piemontesi, il Parlamento è stato sciolto e il corpo elettorale da circa 3 milioni di elettori è stato ridotto ad 800mila.

È stata questa la confessione esplicita da parte della borghesia di essere un’infima minoranza della popolazione, se dopo venti anni di unità essa è stata costretta a ricorrere ai mezzi più estremi di dittatura per mantenersi al potere, per schiacciare i suoi nemici di classe, che erano i nemici dello Stato unitario.

Quali erano questi nemici? Era prevalentemente il Vaticano, erano i gesuiti, e bisogna ricordare all’onorevole Martire come, accanto ai gesuiti che vestono l’abito talare, esistono i gesuiti laici, i quali non hanno nessuna speciale uniforme che indichi il loro ordine religioso.

Nei primi anni dopo la fondazione del Regno i gesuiti hanno dichiarato espressamente in tutta una serie di articoli pubblicati da “Civiltà cattolica” quale fosse il programma politico del Vaticano e delle classi che allora erano rappresentanti del Vaticano, cioè delle vecchie classi semifeudali, tendenzialmente borboniche nel meridione, o tendenzialmente austriacanti nel Lombardo-Veneto, forze sociali numerosissime che la borghesia capitalistica non è riuscita mai a contenere, quantunque nel periodo del Risorgimento essa rappresentasse un progresso, e un principio rivoluzionario. I gesuiti della “Civiltà cattolica”, e cioè il Vaticano, ponevano a scopo della loro politica come primo punto il sabotaggio dello Stato unitario, attraverso l’astensione parlamentare, il frenamento dello Stato liberale per tutte quelle sue attività che potevano corrompere e distruggere il vecchio ordine; come secondo punto, la creazione di un’armata di riserva rurale da porre contro l’avanzata del proletariato, poiché fin dal ’71 i gesuiti prevedevano che sul terreno della democrazia liberale sarebbe nato il movimento proletario, che si sarebbe sviluppato un movimento rivoluzionario.

L’onorevole Martire ha oggi dichiarato che finalmente è stata raggiunta, alle spese della massoneria, l’unità spirituale della nazione italiana.

Poiché la massoneria in Italia ha rappresentato l’ideologia e l’organizzazione reale della classe borghese capitalistica, chi è contro la massoneria è contro il liberalismo, è contro la tradizione politica della borghesia italiana. Le classi rurali che erano rappresentate nel passato dal Vaticano, sono rappresentate oggi prevalentemente dal fascismo; è logico pertanto che il fascismo abbia sostituito il Vaticano e i gesuiti nel compito storico, per cui le classi più arretrate della popolazione mettono sotto il loro controllo la classe che è stata progressiva nello sviluppo della civiltà; ecco il significato della raggiunta unità spirituale della nazione italiana, che sarebbe stato un fenomeno di progresso 50 anni fa; ed è oggi invece il fenomeno più grande di regressione …

La borghesia industriale non è stata capace di frenare il movimento operaio, non è stata capace di controllare né il movimento operaio, né quello rurale rivoluzionario. La prima istintiva e spontanea parola d’ordine del fascismo, dopo l’occupazione delle fabbriche è stata perciò questa : “I rurali controlleranno la borghesia urbana, che non sa essere forte contro gli operai”.

Se non m’inganno, allora, onorevole Mussolini, non era questa la vostra tesi, e tra il fascismo rurale e il fascismo urbano dicevate di preferire il fascismo urbano …

[Interruzioni].

Mussolini. Bisogna che la interrompa per ricordarle un mio articolo di alto elogio del fascismo rurale del 1921-22.

Gramsci. Ma questo non è un fenomeno puramente italiano, quantunque in Italia, per la più grande debolezza del capitalismo abbia avuto il massimo di sviluppo; è un fenomeno europeo e mondiale, di estrema importanza per comprendere la crisi generale del dopoguerra, sia nel dominio dell’attività pratica che nel dominio delle idee e della cultura.

L’elezione di Hindenburg in Germania, la vittoria dei conservatori in Inghilterra, con la liquidazione dei rispettivi partiti liberali democratici, sono il corrispettivo del movimento fascista italiano; le vecchie forze sociali, ma non assorbite completamente da esso, hanno preso il sopravvento nell’organizzazione degli Stati, portando nell’attività reazionaria tutto il fondo di ferocia e di spietata decisione che è stata sempre loro propria; ma in sostanza noi abbiamo un fenomeno di regressione storica che non è e non sarà senza risultanza per lo sviluppo della rivoluzione proletaria. Esaminata su questo terreno, l’attuale legge contro le associazioni sarà una forza o è invece destinata ad essere completamente irrita e vana? Corrisponderà essa alla realtà, potrà essere il mezzo per una stabilizzazione del regime capitalistico o sarà solo un nuovo perfezionato strumento dato alla polizia per arrestare Tizio, Caio e Sempronio? …

Il problema pertanto è questo: la situazione del capitalismo in Italia si è rafforzata o si è indebolita dopo la guerra, col fascismo? Quali erano le debolezze della borghesia capitalistica italiana prima della guerra, debolezze che hanno portato alla creazione di quel determinato sistema politico massonico che esisteva in Italia, che ha avuto il suo massimo sviluppo nel giolittismo? Le debolezze massime della vita nazionale italiana erano in primo luogo la mancanza di materie prime, cioè l’impossibilità della borghesia di creare in Italia una industria che avesse una sua radice profonda nel paese e che potesse progressivamente svilupparsi, assorbendo la mano d’opera esuberante. In secondo luogo, la mancanza di colonie legate alla madre patria, quindi l’impossibilità per la borghesia di creare una aristocrazia operaia che permanentemente potesse essere alleata della borghesia stessa. Terzo la questione meridionale, cioè la questione dei contadini, legata strettamente al problema dell’emigrazione, che è la prova della incapacità della borghesia italiana di mantenere … Interruzioni.

Mussolini. Anche i tedeschi sono emigrati a milioni.

Gramsci. Il significato dell’emigrazione in massa dei lavoratori è questo: il sistema capitalistico, che è il sistema predominante, non è in grado di dare il vitto, l’alloggio e i vestiti alla popolazione, e una parte non piccola di questa popolazione è costretta ad emigrare …

Rossoni. Quindi la nazione si deve espandere nell’interesse del proletariato.

Gramsci. Noi abbiamo una nostra concezione dell’imperialismo e del fenomeno coloniale, secondo la quale essi sono prima di tutto una esportazione di capitale finanziario. Finora l'”imperialismo” italiano è consistito solo in questo: che l’operaio italiano emigrato lavora per il profitto dei capitalisti degli altri paesi, cioè finora l’Italia è solo stata un mezzo dell’espansione del capitale finanziario non italiano. Voi vi sciacquate sempre la bocca con le affermazioni più puerili di una pretesa superiorità demografica dell’Italia sugli altri paesi; voi dite sempre, per esempio, che l’Italia demograficamente è superiore alla Francia. È una questione questa che solo le statistiche possono risolvere perentoriamente, ed io qualche volta mi occupo di statistiche; ora una statistica pubblicata nel dopoguerra, mai smentita, e che non può essere smentita, afferma che l’Italia di prima della guerra dal punto di vista demografico, si trovava già nella stessa situazione della Francia dopo la guerra; ciò è determinato dal fatto che l’emigrazione allontana dal territorio nazionale una tal massa di popolazione maschile, produttivamente attiva, che i rapporti demografici diventano catastrofici. Nel territorio nazionale rimangono vecchi, donne, bambini, invalidi, cioè la parte della popolazione passiva, che grava sulla popolazione lavoratrice in una misura superiore a qualsiasi altro paese, anche alla Francia.

È questa la debolezza fondamentale del sistema capitalistico italiano, per cui il capitalismo italiano è destinato a scomparire tanto più rapidamente quanto più il sistema capitalistico mondiale non funziona più per assorbire l’emigrazione italiana, per sfruttare il lavoro italiano, che il capitalismo nostrale è impotente a inquadrare.

I partiti borghesi, la massoneria, come hanno cercato di risolvere questi problemi?

Conosciamo nella storia italiana degli ultimi tempi due piani politici della borghesia per risolvere la questione del governo del popolo italiano. Abbiamo avuto la pratica giolittiana, il collaborazionismo del socialismo italiano con il giolittismo, cioè il tentativo di stabilire una alleanza della borghesia industriale con una certa aristocrazia operaia settentrionale per opprimere, per soggiogare a questa formazione borghese-proletaria la massa dei contadini italiani, specialmente nel Mezzogiorno. Il programma non ha avuto successo. Nell’Italia settentrionale si costituisce difatti una coalizione borghese-proletaria attraverso la collaborazione parlamentare e la politica dei lavori pubblici alle cooperative; nell’Italia meridionale si corrompe il ceto dirigente e si domina la massa coi mazzieri …

(Interruzioni del deputato Greco) Voi fascisti siete stati i maggiori artefici del fallimento di questo piano politico, poiché avete livellato nella stessa miseria l’aristocrazia operaia e i contadini poveri di tutta Italia.

Abbiamo avuto il programma che possiamo dire dal “Corriere della Sera”, giornale che rappresenta una forza non indifferente nella politica nazionale: 800.000 lettori sono anch’essi un partito.

Voci. Meno …

Mussolini. La metà! E poi i lettori dei giornali non contano. Non hanno mai fatto una rivoluzione. I lettori dei giornali hanno regolarmente torto!

Gramsci. Il “Corriere della Sera” non vuole fare la rivoluzione.

Farinacci. Neanche “l’Unità”!

Gramsci. Il “Corriere della Sera” ha sostenuto sistematicamente tutti gli uomini politici del Mezzogiorno, da Salandra ad Orlando, a Nitti, a Amendola; di fronte alla soluzione giolittiana, oppressiva non solo di classi, ma addirittura di interi territori, come il Mezzogiorno e le isole, e perciò altrettanto pericolosa che l’attuale fascismo per la stessa unità materiale dello Stato italiano, il “Corriere della Sera” ha sostenuto sempre un’alleanza tra gli industriali del Nord e una certa vaga democrazia rurale prevalentemente meridionale sul terreno del libero scambio. L’una e l’altra soluzione tendevano essenzialmente a dare allo Stato italiano una più larga base di quella originaria, tendevano a sviluppare le “conquiste” del Risorgimento.

Che cosa oppongono i fascisti a queste soluzioni? Essi oppongono oggi la legge cosiddetta contro la massoneria; essi dicono di volere cosi conquistare lo Stato. In realtà il fascismo lotta contro la sola forza organizzata efficientemente che la borghesia avesse in Italia, per soppiantarla nella occupazione dei posti che lo Stato dà ai suoi funzionari. La “rivoluzione” fascista è solo la sostituzione di un personale amministrativo ad un altro personale.

Mussolini. Di una classe ad un’altra, come è avvenuto in Russia, come avviene normalmente in tutte le rivoluzioni, come noi faremo metodicamente! [Approvazioni].

Gramsci. È rivoluzione solo quella che si basa su una nuova classe. Il fascismo non si basa su nessuna classe che non fosse già al potere …

Mussolini. Ma se gran parte dei capitalisti ci sono contro, ma se vi cito dei grandissimi capitalisti che ci votano contro, che sono all’opposizione: i Motta, i Conti …

Farinacci. E sussidiano i giornali sovversivi! [Commenti].

Mussolini. L’alta banca non è fascista, voi lo sapete!

Gramsci. La realtà dunque è che la legge contro la massoneria non è prevalentemente contro la massoneria; coi massoni il fascismo arriverà facilmente ad un compromesso.

Mussolini. I fascisti hanno bruciato le logge dei massoni prima di fare la legge! Quindi non c’è bisogno di accomodamenti.

Gramsci. Verso la massoneria il fascismo applica, intensificandola, la stessa tattica che ha applicata a tutti i partiti borghesi non fascisti: in un primo tempo ha creato un nucleo fascista in questi partiti; in un secondo periodo ha cercato di esprimere dagli altri partiti le forze migliori che gli convenivano, non essendo riuscito ad ottenere il monopolio come si proponeva …

Farinacci. E ci chiamate sciocchi?

Gramsci. Non sareste sciocchi solo se foste capaci di risolvere i problemi della situazione italiana …

Mussolini. Li risolveremo. Ne abbiamo già risolti parecchi.

Gramsci. Il fascismo non è riuscito completamente ad attuare l’assorbimento di tutti i partiti nella sua organizzazione. Con la massoneria ha impiegato la tattica politica del noyautage, poi il sistema terroristico dell’incendio delle logge, e infine impiega oggi l’azione legislativa, per cui determinate personalità dell’alta banca e dell’alta burocrazia finiranno per l’accodarsi ai dominatori per non perdere il loro posto, ma con la massoneria il governo fascista dovrà venire ad un compromesso. Come si fa quando un nemico è forte? Prima gli si rompono le gambe, poi si fa il compromesso in condizioni di evidente superiorità.

Mussolini. Prima gli si rompono le costole, poi lo si fa prigioniero, come voi avete fatto in Russia! Voi avete fatto i vostri prigionieri e poi li tenete, e vi servono! [Commenti].

Gramsci. Far prigionieri significa appunto fare il compromesso: perciò noi diciamo che in realtà la legge è fatta specialmente contro le organizzazioni operaie. Domandiamo perché da parecchi mesi a questa parte senza che il Partito comunista sia stato dichiarato associazione a delinquere, i carabinieri arrestano i nostri compagni ogni qualvolta li trovano riuniti in numero di almeno tre …

Mussolini. Facciamo quello che fate in Russia …

Gramsci. In Russia ci sono delle leggi che vengono osservate : voi avete le vostre leggi …

Mussolini. Voi fate delle retate formidabili. Fate benissimo! [Si ride].

Gramsci. In realtà l’apparecchio poliziesco dello Stato considera già il Partito comunista come un’organizzazione segreta.

Mussolini. Non è vero!

Gramsci. Intanto si arresta senza nessuna imputazione specifica chiunque sia trovato in una riunione di tre persone, soltanto perché comunista, e lo si butta in carcere.

Mussolini. Ma vengono presto scarcerati. Quanti sono in carcere? Li peschiamo semplicemente per conoscerli!

Gramsci. È una forma di persecuzione sistematica che anticipa e giustificherà l’applicazione della nuova legge. Il fascismo adotta gli stessi sistemi del governo Giolitti. Fate come facevano nel Mezzogiorno i mazzieri giolittiani che arrestavano gli elettori di opposizione … per conoscerli.

Una voce. C’è stato un caso solo. Lei non conosce il meridione.

Gramsci. Sono meridionale!

Mussolini. A proposito di violenze elettorali io le ricordo un articolo di Bordiga che le giustifica a pieno!

Greco Paolo. Lei, onorevole Gramsci, non lo ha letto quell’articolo.

Gramsci. Non le violenze fasciste, le nostre. Noi siamo sicuri di rappresentare la maggioranza della popolazione, di rappresentare gli interessi più essenziali della maggioranza del popolo italiano; la violenza proletaria è perciò progressiva e non può essere sistematica. La vostra violenza è sistematica e sistematicamente arbitraria perché voi rappresentate una minoranza destinata a scomparire. Noi dobbiamo dire alla popolazione lavoratrice che cosa è il vostro governo, come si comporta il vostro governo, per organizzarla contro di voi, per metterla in condizioni di vincervi. È molto probabile che anche noi ci troveremo costretti ad usare gli stessi vostri sistemi, ma come transizione, saltuariamente. [Rumori, interruzioni}. Sicuro: ad adottare gli stessi vostri metodi, con la differenza che voi rappresentate la minoranza della popolazione, mentre noi rappresentiamo la maggioranza. [Interruzioni, rumori].

Farinacci. Ma allora, perchè non fate la rivoluzione? Lei è destinato a fare la fine di Bombacci! La manderanno via dal partito!

Gramsci. La borghesia italiana quando ha fatto l’unità era una minoranza della popolazione, ma siccome rappresentava gli interessi della maggioranza anche se questa non la seguiva, così ha potuto mantenersi al potere. Voi avete vinto con le armi, ma non avete nessun programma, non rappresentate niente di nuovo e di progressivo. Avete solo insegnato all’avanguardia rivoluzionaria come solo le armi, in ultima analisi, determinano il successo dei programmi e dei non programmi … [Interruzioni, commenti}.

Presidente. Non interrompete?

Gramsci. Questa legge non varrà affatto a frenare il movimento che voi stessi preparate nel paese. Poiché la massoneria passerà in massa al Partito fascista e ne costituirà una tendenza, è chiaro che con questa legge voi sperate di impedire lo sviluppo di grandi organizzazioni operaie e contadine. Questo è il valore reale, il vero significato della legge.

Qualche fascista ricorda ancora nebulosamente gli insegnamenti dei suoi vecchi maestri, di quando era rivoluzionario e socialista, e crede che una classe non possa rimanere tale permanentemente e svilupparsi fino alla conquista del potere senza che essa abbia un partito ed una organizzazione che ne riassuma la parte migliore e più cosciente. C’è qualcosa di vero in questa torbida perversione reazionaria degli insegnamenti marxisti. È certo molto difficile che una classe possa giungere alla soluzione dei suoi problemi e al raggiungimento di quei fini che sono insiti nella sua esistenza e nella forza generale della società, senza che un’avanguardia si costituisca e conduca questa classe fino al raggiungimento di tali fini. Ma non è detto che questa enunciazione sia sempre vera, nella sua meccanicità esteriore ad uso della reazione! Questa è una legge che serve per l’Italia, che dovrà essere applicata in Italia, dove la borghesia non è riuscita in nessun modo e non riuscirà mai a risolvere in primo luogo la questione dei contadini italiani, a risolvere la questione dell’Italia meridionale. Non per nulla questa legge viene presentata contemporaneamente ad alcuni progetti concernenti il risanamento del Mezzogiorno.

Una voce. Parli della massoneria.

Gramsci. Volete che io parli della massoneria. Ma nel titolo della legge non si accenna neppure alla massoneria, si parla solo delle organizzazioni in generale. In Italia il capitalismo si è potuto sviluppare in quanto lo Stato ha premuto sulle popolazioni contadine, specialmente nel Sud. Voi oggi sentite l’urgenza di tali problemi, perciò promettete un miliardo per la Sardegna, promettete lavori pubblici e centinaia di milioni a tutto il Mezzogiorno; ma per fare opera seria e concreta dovreste cominciare col restituire alla Sardegna i 100-150 milioni di imposte che ogni anno estorcete alla popolazione sarda! Dovreste restituire al Mezzogiorno le centinaia di milioni di imposte che ogni anno estorcete alla popolazione meridionale.

Mussolini. Voi non fate pagare le tasse in Russia!…

Una voce. Rubano in Russia, non pagano le tasse !

Gramsci. Non è questa la questione, egregio collega, che dovrebbe conoscere almeno le relazioni parlamentari che su tali questioni esistono nelle biblioteche. Non si tratta del meccanismo normale borghese delle imposte: si tratta del fatto che ogni anno lo Stato estorce alle regioni meridionali una somma di imposte che non restituisce in nessun modo, ne con servizi di nessun genere …

Mussolini. Non è vero.

Gramsci. … somme che lo Stato estorce alle popolazioni contadine meridionali per dare una base al capitalismo dell’Italia settentrionale. [Interruzioni, commenti]. Su questo terreno delle contraddizioni del sistema capitalistico italiano si formerà necessariamente, nonostante la difficoltà di costituire grandi organizzazioni, l’unione degli operai e dei contadini contro il comune nemico.

Voi fascisti, voi governo fascista, nonostante tutta la demagogia dei vostri discorsi, non avete superato questa contraddizione che era già radicale; voi l’avete anzi fatta sentire più duramente alle classi e alle masse popolari. Voi avete operato in questa situazione, per le necessità di questa situazione. Voi avete aggiunto nuove polveri a quelle già accumulate dallo sviluppo della società capitalistica e credete di sopprimere con una legge contro le organizzazioni gli effetti più micidiali della vostra attività stessa. [Interruzioni]. Questa è la questione più importante nella discussione di questa legge!

Voi potete “conquistare lo Stato”, potete modificare i codici, voi potete cercare di impedire alle organizzazioni di esistere nella forma in cui sono esistite fino adesso; non potete prevalere sulle condizioni obiettive in cui siete costretti a muovervi. Voi non farete che costringere il proletariato a ricercare un indirizzo diverso da quello fino ad oggi più diffuso nel campo dell’organizzazione di massa. Ciò noi vogliamo dire al proletariato e alle masse contadine italiane da questa tribuna: che le forze rivoluzionarie italiane non si lasceranno schiantare, che il vostro torbido sogno non riuscirà a realizzarsi [interruzioni]. È molto difficile applicare ad una popolazione di 40 milioni di abitanti i sistemi di governo di Zankof . In Bulgaria vi sono pochi milioni di abitanti e tuttavia, nonostante gli aiuti dall’estero, il governo non riesce a prevalere sulla coalizione del Partito comunista e delle forze contadine rivoluzionarie, e in Italia ci sono 40 milioni di abitanti.

Mussolini. Il Partito comunista ha meno iscritti di quello che abbia il Partito fascista italiano!

Gramsci. Ma rappresenta la classe operaia.

Mussolini. Non la rappresenta?

Farinacci. La tradisce, non la rappresenta.

Gramsci. Il vostro è un consenso ottenuto col bastone.

Farinacci. Parla di Miglieli !

Gramsci. Precisamente. Il fenomeno Miglieli ha una grande importanza appunto nel senso di ciò che ho detto prima: che le masse contadine anche cattoliche si indirizzano verso la lotta rivoluzionaria. Né i giornali fascisti avrebbero protestato contro Miglieli se il fenomeno “Miglieli” non avesse questa grande importanza dell’indicare un nuovo orientamento delle forme rivoluzionarie in dipendenza della vostra pressione sulle classi lavoratrici.

Concludendo: la massoneria è la piccola bandiera che serve per far passare la mercé reazionaria antiproletaria! Non è la massoneria che vi importa? La massoneria diventerà un’ala del fascismo. La legge deve servire per gli operai e per i contadini, i quali comprenderanno ciò molto bene dall’applicazione che ne verrà fatta. A queste masse noi vogliamo dire che voi non riuscirete a soffocare le manifestazioni organizzative della loro vita di classe, perché contro di voi sta tutto lo sviluppo della società italiana.

[Interruzioni].

Presidente. Ma non interrompano? Lascino parlare. Lei, però, onorevole Gramsci, non ha parlato della legge!

Rossoni. La legge non è contro le organizzazioni!

Gramsci. Onorevole Rossoni, ella stesso è un comma della legge contro le organizzazioni. Gli operai e i contadini debbono sapere che voi non riuscirete ad impedire che il movimento rivoluzionario si rafforzi e si radicalizzi. [Interruzioni, rumori]. Perché esso solo rappresenta oggi la situazione del nostro paese … [Interruzioni].

Presidente. Onorevole Gramsci, questo concetto lo ha ripetuto tre o quattro volte. Abbia la bontà! Non siamo dei giurati, a cui occorre ripetere molte volte le stesse cose!

Gramsci. Bisogna ripeterle, invece, bisogna che lo sentiate fino alla nausea. Il movimento rivoluzionario vincerà il fascismo. [Commenti].

Silvano Danesi

 

[i] Alexander Lowen, Bioenergetica, Feltrinelli

LA SINISTRA, L’ANIMA E IL FAUST DI GOETHE

La sinistra, dopo la recente sconfitta plurima e cocente, si contorce nella ricerca di una rinascita che è del tutto impossibile, in quanto, nel passaggio attraverso le fasi degli ultimi decenni, ha venduto l’anima.

faust
Dimentica dei padri e delle madri (le società di mutuo soccorso, i primi sindacati, i partiti del socialismo nascente) che guardavano al riscatto del popolo, la sinistra italiana ha venduto l’anima al sistema bancario e finanziario e alle logiche del mondialismo delle multinazionali.
Senza l’anima nessuna rinascita è possibile.
La sinistra ha fatto la fine del dottor Faust nell’omonima opera di Goethe, scritta in sessant’anni di intenso lavoro e di continue sistemazioni, che rese immortale la leggenda popolare medioevale dell’essere umano che vende la propria anima al diavolo, che nel caso di Faust è Mefistofele, per godere dei beni della materialità.
Il dramma della sinistra e, in particolare del Pd, è che ha scambiato il diavolo con l’acqua santa, con un errore tragico e irrimediabile.
La sinistra laica, frequentando da vicino i cattolici, avrebbe dovuto sapere, visto che sembrerebbe dotata di intellettuali accorti, che San Paolo, nella Lettera ai Corinzi ha scritto, a proposito del demonio: “Questi tali sono falsi apostoli, lavoratori fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo. Ciò non fa meraviglia, perché anche satana si maschera da angelo di luce. Non è perciò gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia; ma la loro fine sarà secondo le loro opere”.
Satana si maschera da angelo di luce. E infatti il mondialismo delle multinazionali e della finanza, che vorrebbe trasformare il mondo in una massa informe di consumatori, tutti servi della nuova gleba (il consumo), non importa a quale dio credano, purché si assoggettino al dio denaro, si è ben mascherato da angelo della bontà e ha mascherato molto bene i suoi ministri i quali predicano l’accoglienza coprendo un immondo traffico di esseri umani, in parte riserva di schiavi da immettere sul mercato del lavoro e in parte carne umana per gli usi e consumi più diversi, a cominciare dalle lucrose attività del finto buonismo accogliente.
Il popolo a chi ha venduto l’anima fa schifo, così come fa schifo a chi, chiuso nelle ville con piscina, ben guardate da servitori in livrea, predica l’uguaglianza a chi deve sbarcare il lunario e non arriva a fine mese.

quarto stato
Ve lo ricordate il quadro del pittore italiano Giuseppe Pellizza da Volpedo, realizzato nel 1901: il quarto stato. Brutti, impolverati, straccioni, miserabili. Dimenticati. I miserabili la sinistra se li va a cercare nel mondo, perché quelli di casa sono troppo prossimi, mentre quelli di importazione possono essere confinati nelle periferie, lontani dai compound radical chic. I cinque milioni di poveri italiani puzzano e poi sono sgradevoli quando vanno a cercare nei cassonetti dei supermercati qualcosa da mangiare o fanno la fila alle mense. I disperati africani, invece, ingrassano il business dell’accoglienza e alimentano il mercato della misericordia. I negrieri non si smentiscono mai.
Satana si è ben travestito, frequenta i salotti buoni, respira l’aria rarefatta di Davos e le stanze ovattate della finanza internazionale. Il dottor Faust, in ansia di legittimazione e di cooptazione, ha venduto l’anima.
Goethe conosceva bene il giochino del cammuffamento avendo frequentato l’Ordine degli Illuminati organizzato il primo maggio 1776 da Adamo Weishaupt sulla base di un modello gesuitico (la Compagnia di Gesù era stata sciolta nel 1773). L’Ordine, contrastato dai Rosacroce, ebbe uno scopo più politico che religioso e la corrente illuministica interna alla Stretta Osservanza, alla ricerca di un progetto da opporre ai Martinisti, guardò agli Illuminati con la mediazione di Knigge, che aveva come modello il Paraguay gesuitico e pensava a stati modello nelle Indie Occidentali (America). Alain Wodrow, uno dei massimi esperti dei gesuiti, a proposito dell’esperimento del Paraguay, afferma: “Questa esperienza di comunismo paternalista è singolare e fu esempio per gli utopisti del XX secolo. L’ammirava persino Voltaire, che fu allievo dei gesuiti, ma li detestava”. Ludovico Antonio Muratori lo definisce “il cristianesimo felice nelle missioni dei padri della Compagnia di Gesù nel Paraguay”.
Emerge dalle aspettative del Knigge lo sfondo utopistico che si riallaccia alle teorie di Platone, di Tommaso Moro, di Campanella, ma anche quelle dei despoti illuminati, come Federico II, il quale negli anni Settanta del Settecento ordinò la costruzione di Urbaniborg, sull’isola di Ven, per l’astronomi Tycho Brahe. Urbaniborg, collocato in un palazzo rinascimentale, è stato considerato il primo moderno centro di ricerca scientifica, dotato di biblioteca, laboratori e di un celebre osservatorio. Tra i membri dell’Ordine troviamo personaggi di grande rilievo nella cultura europea: Goethe, appunto, ma anche Herder, Martens, Mirabou, Robespierre, Lavoisier, Filangieri, Pagano, Muenter, Nicolai, Antonio Jerocades
La mano sapiente dei gesuiti nel ‘700 ha creato più di un mostro.
Goethe, tuttavia, nelle molte sistemazioni della sua opera, giunge infine alla conclusione che mentre Faust sta per essere condotto all’Inferno, giungono degli angeli che, per la sua continua tensione all’infinito, salvano Faust grazie all’Amore dell’Eterno Femminino.
Il poema si chiude con la celebrazione dell’Eterno Femminino, individuando così nell’Amore la forza creatrice e motrice dell’intero universo.
Un Amore che collega, infine, il massone Goethe al filone iniziatico dei Fedeli d’Amore, quello di un Federico II immortale e grande, Stupor Mundi, che è ben altra cosa di quel Federico di Prussia, principe illuminato, che si alleò con i gesuiti.
Non bisogna sbagliare Federico, perché quello di Prussia è un despota, mentre quello di Jesi è portatore di un Amore per l’Eterno Femminino che è la Sapienza del Divino.
Confondere il fumo di Satana con Sophia produce inevitabilmente la perdita dell’anima.
Fedele d’Amore era Dante e le opere del Sommo Poeta, come quelle dei suoi contemporanei “Fedeli d’Amore” (Cavalcanti, Petrarca, Boccaccio, ecc.), ci forniscono le chiavi di comprensione di una linea di pensiero frutto dell’incontro di culture diverse, le quali hanno in comune la libera conoscenza adogmatica della Sapienza divina (Rosa), raggiungibile con un percorso iniziatico il quale, per quanto condiviso, presuppone una tensione conoscitiva individuale (Amore) capace di condurre l’adepto (Amante) dalla Croce (la materialità che fissa lo Spirito nello spazio tempo) alla Rosa.
Tale linea di pensiero ha dei riferimenti essenziali in Federico II di Svevia e nella sua “Magna Curia”, nella Provenza e nell’Aquitania dei Trovatori, eredi della cultura basca, nei Minnesanger, in Severino Boezio, nella poesia dei mistici arabi e nella Champagne di Chrétien de Troyes, che ripropone, con la “Materia di Bretagna”, l’antica cultura druidica. Anche Shakespeare rientra in questa linea di pensiero.
Sbagliare Federico è tragico. Anziché stare con la Sapienza divina, con la Rosa, con la Donna, con il Fiore, ci si allea con il despota, che si circonda di compiacenti intellettuali, ma esercita il suo potere dispotico a danno del popolo.
Qui habet aures audiendi audiat.

Silvano Danesi

La Francia deve chiudere la tragedia libica che ha creato

La Francia deve chiudere la tragedia libica che ha creato.
L’incontro tra il presidente Macron e il presidente Conte, al di là delle belle intenzioni e delle amorevoli dichiarazioni, non ha affrontato il nodo di fondo della questione italo-francese: la Libia. Senza affrontare finalmente e decisamente questo nodo non si va da nessuna parte e, soprattutto, non si aggredisce all’origine la questione dell’invasione africana dell’Europa.
Il 20 ottobre 2011, Mu’ammar Gheddafi è stato giustiziato a freddo dopo una guerra scatenata da Gran Bretagna e Francia, con il beneplacito degli Usa dei Clinton e con la colpevole, mai sufficientemente esecrata, acquiescenza dell’Italia. Acquiescenza che si pone come un vero e proprio tradimento degli interessi nazionali italiani.
Dietro alla guerra a Gheddafi, che la solita stupidità delle anime belle del nostro Paese voleva venderci come guerra di liberazione da un tiranno, ci stavano interessi ben precisi dei due paesi europei che, molto in teoria, dovrebbero essere nostri alleati.
L’assassinio a freddo di Gheddafi ha precipitato la Libia nel caos tribale e l’ha fatta diventare la porta incontrollata dell’invasione africana dell’Europa.
Facciamo un passetto indietro.
Mario José Cereghino e Giovanni Fasanella, in: “Il golpe inglese” (Chiare lettere) scrivono: “Nella notte tra il 31 agosto e il primo settembre 1969, con un colpo di stato, il re filo britannico Idris viene deposto a Tripoli e conquista il potere il giovane colonnello Mu’ammar Gheddafi, un filo nasseriano addestrato nelle accademie militari europee. Quel golpe è stato pianificato mesi prima in un albergo di Abano Terme, in provincia di Padova. E i suoi effetti sugli equilibri dell’area mediterranea si fanno subito sentire. Il nuovo governo rivoluzionario annuncia alle compagnie straniere di voler aumentare il prezzo del petrolio. Espelle poi dal territorio libico le basi militari americane e inglesi, mentre sono destinati a crescere i rapporti commericali e militari con l’Italia”.
Nel 2011, quando Gheddafi è eliminato brutalmente in omaggio anche alla demenziale teoria clintoniana della primavere arabe, ottima copertura per le più sordide nefandezze, l’Eni, ossia l’Italia, gestiva i due terzi dei contratti petroliferi e di gas con una Libia stabile e amica dell’Italia.
Il 31 dicembre 2015 sono state rese note molte email della signora Hillary Clinton e, fra queste, una del 2 aprile 2011 nella quale un funzionario americano spiega a chiare lettere alla signora, in corsa per la Casa Bianca e all’epoca Segretario di Stato, che i francesi hanno destabilizzato la Libia con l’intento di rientrare in gioco nell’area, a danno evidentemente dell’Italia, e di bloccare il tentativo di Gheddafi di dar vita ad una moneta panafricana in sostituzione del Franco francese africano. Il dittatore feroce, in buona sostanza, voleva emancipare l’Africa del dominio coloniale francese e, anche, inglese. Dominio coloniale mai venuto meno di fatto.
Ora, se Conte incontra Macron, deve chiedergli quanto manca ancora (mesi, giorni, anni?) alla fine del giochetto francese e quando si potrà chiudere la partita, restituendo alla Libia un governo unitario, restituendole la stabilità.
Fatto questo ci sarà un governo stabile con cui trattare e al quale dare le opportune garanzie, chiedendone in cambio altre.
Questo è il nodo da sciogliere. Il resto è ciccia per le anime belle, che abbondano nel nostro Paese e che hanno le fette di salame sugli occhi.
Come si può costruire una vera Europa se la Francia e l’Inghilterra pugnalano alle spalle l’Italia e aprono la voragine africana che, guarda caso, ci casca addosso senza alcuna solidarietà dell’Unione?

Silvano Danesi

 

L’Europa di Peter Pan deve diventare adulta e per diventare adulta deve essere realmente democratica

La formazione di un governo giallo-verde continua a riproporre ossessivamente il tema della compatibilità con l’Europa. Compatibilità economica, di mercato, di vincoli, di debito pubblico in rapporto al Pil e via discorrendo.

Si dimentica che l’Unione Europea, dal punto di vista politico, è l’isola che non c’è dell’eterno fanciullo Peter Pan e che gli aspetti fondamentali della politica di un’Unione che si rispetti non esistono.

Mentre la geopolitica mondiale sta cambiando radicalmente e celermente, l’Unione Europea vede i governi che la compongono andare, come diceva Pappagone, “vincoli e sparpagliati”. Libia docet. La Merkel da una parte, Macron dall’altra. I paesi dell’Est in un modo, quelli dell’Ovest in un altro.

La Ue non ha una politica estera, non ha un esercito e conta come il due di coppe quando si gioca a bastoni nelle scelte di politica internazionale.

L’Europa, come entità politica unitaria è stata pensata all’indomani della seconda guerra mondiale al fine di chiudere una lunga serie di guerre civili tra i popoli europei. Prima di giungere alla formulazione dei Trattati di Roma, alcuni uomini come Andrè Malraux, Helmuth James von Moltke, Joseph Retinger e Winston Churchill, pensarono agli Stati Uniti d’Europa come soluzione stabile di pace e di prosperità per il continente uscito massacrato dai conflitti.

Quella emersa dai trattati e concretizzatasi nella realtà è un’Europa ben distante dall’idea originaria, che era molto simile al modello statunitense.

L’Europa, così com’è, mantiene Stati, nazioni, patrie e popoli in mezzo ad un guado che rende la stessa Europa un player internazionale incapace, mentre si stanno ridefinendo gli assetti del potere mondiale.

Così accade che il potere finanziario-burocratico con la sua azione indebolisce gli Stati membri, aprendo inevitabilmente spazi alle piccole patrie, senza dare una risposta coerente in termini di una nuova statualità europea democratica, che abbia la sua legittimazione autentica nel voto popolare.

Per il potere finanziario-burocratico l’Europa è un grande mercato di consumatori, solo che se l’Europa è solo un grande mercato sarà inevitabilmente schiacciata come un limone dalla morsa trilaterale Usa-Russia-Cina.

Alla luce delle difficoltà in cui versa l’attuale Unione Europea, sono stati indicati nuovi programmi unitari, relativi ad un esercito comune, ad una politica estera comune, ad una ricerca comune, ad un intelligence comune e via discorrendo. Solo che, così come sono stati posti, sembrano più a un’ennesima finzione che ad una reale volontà.

L’Europa di Peter Pan deve diventare adulta e per diventare adulta deve diventare realmente democratica. Se non diventa adulta, perché continua a voler essere Peter Pan, sarà presto travolta da un’ondata di destra sovranista, come ha profetizzato Edward Luttwak.

Silvano Danesi

 

 

In Europa la danza dei fantasmi

Un fantasma si aggira per l’Europa: l’Unione europea; e non saranno le prediche a trasformare l’ectoplasma in una solida struttura capace di avere un ruolo geopolitico all’altezza delle trasformazioni epocali in atto.
In questi giorni, nei quali si profila in Italia un possibile governo composto da due forze non propriamente filo Unione, si sprecano le prediche e gli appelli alla necessità di stare in Europa, ma, come al solito, le prediche sono funzionali solo a nascondere la realtà. E la realtà è che l’Unione europea è un mostro buro-finanziario che fa acqua da tutte le parti. Il famoso asse franco tedesco è a pezzi. Ad Aquisgrana Emmanuel Macron ha accusato la Germania di feticismo in materia politica di bilancio e di surplus commerciale. Il presidente francese è stato esplicito: “A Berlino non può esserci un feticismo perpetuo per i surplus commerciali e di bilancio, perché questi sono fatti a spese degli altri”.
Cosa significa? Semplice. Significa che la Germania, da quando ha ritrovato l’unità ha accumulato un tesoro grazie all’euro e a spese degli altri partner, i quali sono stati costretti a non sforare il limite del 3 per cento del deficit, mentre il Quarto Reich ha evitato di stare nei limiti imposti al surplus commerciale a all’avanzo di bilancio.
Angela Merkel ha riconosciuto che tra i due paesi le distanze sono evidenti e, ricevendo la Lampada della pace ad Assisi (per quale merito non si sa!) ha detto che noi tutti “dobbiamo andare oltre i nostri interessi”. Ecco: proprio così, ma come sempre le prediche valgono per gli altri.
Se è legittimo per la Germania fare i propri interessi, alla faccia dei partner europei non si capisce perché chi rivendica di fare altrettanto è un sovranista pericoloso.
Mario Draghi, che si è opposto nei fatti al Quarto Reich economico, ha detto: “Oggi tre quarti dei cittadini dell’Eurozona sono a favore della moneta unica. […] Ma i cittadini europei si aspettano che l’euro dia la stabilità e la prosperità promesse ed è nostro dovere ricambiare la loro fiducia e sanare quelle parti dell’Unione che tutti sappiamo essere incomplete”.
Appunto: sanare quelle parti dell’Unione che tutti sappiamo essere incomplete e l’incompletezza è soprattutto quella della democrazia, perché l’Unione è tutto fuorché un’entità democratica.
La Merkel, che ha ricevuto la fiaccola del testimone del mondialismo da Obama (che sta bene assieme alla Lanterna, simile al premio Nobel preventivo dato all’ex inquilino della Casa Bianca), urla contro Trump perché fa gli interessi dell’America. E lei cosa fa? Voleva che la Germania fosse il general contractor per l’Europa e le è rimasta in mano una lampada.


L’Unione è un fantasma. E lo è anche in politica estera, in un momento storico nel quale stanno cambiando gli assetti geopolitici nel mondo. La Cina, con la nuova ferrovia sta accorciando le distanze con Iran, Iraq e Pakistan. La presenza di Netanyahu a Mosca fa pensare ad una svolta nei rapporti tra Putin e Israele, con la Siria che potrebbe entrare direttamente nella sfera russa, abbandonando la sponda iraniana a tutto vantaggio della sicurezza israeliana. La politica di Trump, che ha annunciato lo spostamento dell’ambasciata americana a Gerusalemme, si accompagna alle dichiarazioni del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman , il quale ha detto che israeliani e palestinesi hanno diritto ad un loro stato, riconoscendo così il diritto di Israele ad esistere. Il Bahrein, a sua volta, ha riconosciuto il diritto di Israele ad esistere. Nel mondo arabo si stanno determinando novità importanti per il nuovo assetto del Medioriente. La mossa di Trump di uscire dall’accordo con l’Iran va in questa direzione mentre, come dice Edward Luttwak, esperto statunitense di strategia, “gli Europei sono dei veri irresponsabili”, perché “non si rendono conto del pericolo dei missili balistici iraniani”.
Luttwak, nell’ottobre del 2107, aveva visto lungo anche sulla deriva europea, dovuta all’incapacità oppressiva dell’Unione buro-finanziaria e mondialista. In Europa, aveva detto, “si sta rompendo un equlibrio. Le persone non possono più accettare un sistema che opprime le popolazioni, sono stufe marce di subire la presenza delle élite europee il cui unico pensiero è la globalizzazione. Sempre più persone vogliono difendere la propria identità, la propria tradizione, il proprio territorio”.
Luttwak aveva stigmatizzato anche la politica di Papa Francesco, “che rappresenta perfettamente quelle élite che vogliono imporre il loro pensiero”, ossia le élite del mondialismo.
E così, a distanza di pochi mesi dalle esternazioni di Luttwak, il Papa emerito, Benedetto XVI, che continua ad essere Papa a tutti gli effetti, scrive un libro dal titolo: “Liberare la libertà”, dove difende il diritto dei popoli a mantenere e difendere la loro identità e stigmatizza l’attuale Europa dei tecnocrati che cerca di imporre un pensiero unico positivista.
A che servono le prediche degli euroentusiasti? A nulla, perché i veri nemici dell’Unione non sono gli euroscettici, i sovranisti, e via discorrendo, ma gli egoismi tedeschi, la grandeur dei francesi, la protervia dei finanzieri, l’ottusità dei burocrati e la debolezza di Stati, come quello italiano, che, per essere politicamente corretti, sono solo in costante regime di correzione da parte di chi dirige la danza dei fantasmi.
Così, mentre Usa, Russia, Cina stanno definendo la nuova geopolitica, l’Unione ectoplasmatica si aggira in Europa come un fantasma raggelante.

Il vero nemico dei possibili e auspicabili Stati Uniti d’Europa non è il sovranismo; è il fantasmismo.

Silvano Danesi